Alma Buona – naturalmente pizza –

Per chi non mi conoscesse sono Massimo Sacco, vivo di ristorazione sin dalla nascita e amo cimentarmi in progetti “difficili” con una prerogativa: servire al cliente non solo un prodotto che sia ad alto valore nutrizionale (oltreché buono) ma, far vivere un esperienza totalizzante.

Proprio da queste premesse nasce Alma buona –naturalmente pizza -.

Come puoi immaginare non è una pizzeria comune o meglio lo è ma con dei tratti caratteristici e unici.

Come ti ho già detto, non trovo stimoli nelle cose semplici, ecco perché nel nuovo progetto partito 5 anni orsono ed approdato a Roma da qualche mese, gestiamo contemporaneamente 4 impasti diversi tutti i giorni (tranne il lunedì) farina di grano tenero tipo 2, 100% kamut, 100% farro e un impasto che cambia ad ogni stagione aggiungendo un ingrediente oltre i 5 istituzionali (acqua, lievito, sale, olio e farina) che deve aiutare le persone ad affrontare meglio la stagione. In questa freddo autunno, per esempio, lo facciamo con farina di farro al 100% a cui aggiungiamo la curcuma attivata.

Curo meticolosamente la scelta di ogni ingrediente, per me qualità ha solo un’espressione che si traduce in valore nutrizionale e pochissima (o zero) industrializzazione. Tutte le farine sono bio, naturali, senza additivi e senza glutine aggiunto. E tutti gli impasti lievitano almeno 24 ore.

Ovviamente non potevo fermarmi qui. È normale, quando si va in pizzeria, ingannare l’attesa con dei frittini, ecco, Alma buona non serve fritti per scelta ma, serviamo gli stessi prodotti di friggitoria cotti al forno e buoni come quelli fritti; produciamo insieme ad un piccolo caseificio dell’agro pontino dei formaggi (4 per l’esattezza). Vuoi sapere quali sono?

Sono tutti a pasta morbida e allineati all’esperienza e alla filosofia che ci contraddistingue: potrai trovarlo all’alga spirulina, al sommacco, al ganoderma lucidum e alla Birra Alma.

Ah vero non ti ho ancora parlato della birra artigianale.

Nel 2015 abbiamo coinvolto e influenzato un piccolo produttore di birra artigianale e con lui abbiamo iniziato a produrre Alma, una birra chiara, cruda (non pastorizzata) e con l’alga spirulina (100% Italiana) infusa a freddo.

Ora non resta che concludere l’esperienza con un dolce. Ovviamente niente dolci industriali, infatti, li produciamo tutti noi partendo dalla materia prima e senza utilizzare preparati, composti o diavolerie simili.

Dai ti faccio un esempio: semifreddo alla liquirizia calabrese, cestino di pasta fillo con ricotta cannellata e tartare di mele oppure quello più richiesto da qualche mese ovvero il tortino al pistacchio di Bronte dal cuore cremoso su crema inglese al limone.

Ti ho parlato di Alma buona perché credo fortemente che il prodotto sia molto importante ma, è ancor più importante contestualizzarlo in un esperienza solo così la scelta sarà efficace e proficua.

Ovviamente ti esorto a cavalcare la moda del momento magari cerca di capire dove sei veramente forte e lavora sui tuoi punti di forza espandili, esplorali, sperimenta cose nuove, esci dalla zona di tranquillità studia, confrontati, scrivi, leggi, leggi e leggi. Nel prossimo articolo ti racconterò del mio percorso professionale e delle scelte che mi hanno portato negli anni a sceglie questo percorso legato al benessere.

se quello che hai letto ti è piaciuto lascia un commento in basso oppure condividi, oppure vieni a trovarmi da Alma Buona in via Angelo Emo, 44 Roma

Ti Aspetto!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *